Artistireggiani.it

Pigoni Luciano

  •  

     

     

     

     

     

     PIGONI  LUCIANO

    Via F. Filzi,13 - 42100  REGGIO EMILIA

     Tel.
     E-MAIL: luciano.cesare@libero.it

     

     

    Per me scrivere poesie liriche significa esprimere sentimenti e mi fa sentire più vicino alla verità.

    “Alcuni dicono che

    quando è detta

    la parola muore.

    io dico invece che

    proprio quel giorno

    comincia a vivere.”

    Emily Dickinson

     

    E’ con questo proposito, di far vivere le parole che ho scritto, versi e  poesie, pubblicandole sul libretto dal titolo:

    FOGLIE VERDI – WORDS OF LOVE ( vedi copertina in vetrina).

    L.P.

    (pubblichiamo alcune sue opere)

    ------------------------------------------

    PAROLE

     

    Parlare seduto in treno a un’amica.

    Una nebbia grigia nascondeva il sole,

    ma la luce veniva dalle tue parole.

     

    COME SI ALZA IL VENTO….

     

    Come si alza il vento

    nel silenzio della notte

    e sento il ramo dell’ontano

    toccare con le foglie la finestra,

    all’improvviso un ricordo si desta –

    accadde in un giorno lontano –

    i tuoi occhi si posarono con gioia,

    si era alla fine di un colloquio,

    si posarono con gioia sul mio volto.

     

    IL CIELO SI E’ APERTO

     

    Il cielo si è aperto

    alle prime luci

    dell’alba, all’aurora

    il sole si alza

    tra nuvole d’oro,

    la luce brilla

    nell’aria, squilla

    e varia il colore.

    Il mondo si è aperto

    con le tue parole.

     

    QUANDO VERRA’ LA NOTTE

     

    Quando verrà la notte

    e  sentirò nel silenzio

    al soffio del vento

    il fruscio delle foglie dei platani

    lungo il viale,

     tu verrai nella mia stanza

    con passo leggero all’ospedale.

    seduta al mio fianco

    mi porterai conforto

    nelle ore del dolore.

    Sentirò vicino la tua voce,

    ascolterò le tue parole,

    felice di averti accanto,

    amore.

     

    PIOGGIA

     

    La pioggia picchiettava sui vetri.

    Sullo schermo le tue parole

    scorrevano fresche e leggere

    come gocce di pioggia.